ACQUAVIVA D’ARAGONA

 

 

 

 

 

Rinaldo, citato nel 1195 nel’atto di investitura dei feudi della moglie : signore di Atri, Forcella, Cantalupo, Castelvecchio e del luogo “Acquaviva” che diede il nome alla dinastia. Sposa Foresta, figlia ed erede di Leone Signore di Atri, Cantalupo, Forcella e Castelvecchio.

 

 

A1. Gualtieri (+ post 25-7-1225), Signore di Atri, Forcella, Cantalupo, Castelvecchio, Volviano ecc., citato nell’atto del

       1195, ottiene la conferma della terra di Volviano nel 1231.

A2. Amerigo (+ post 1195).

A3. Andrea (+ decapitato 1220), Signore di Atri, Forcella, Castelvecchio, Volviano ecc., Giudice di Otranto.

 

       B1. Rinaldo, castellano di Bisento, Volviano, Forcella, Robiano e Castelvecchio, Podestà di Cremona nel 1241.

             = Tommasa (+ in Teramo …….).

 

             C1. Rinaldo (+ 14-5- post 1314), Arcidiacono “Castri Lilii” (nel Maine ?), Vescovo eletto di Teramo dal 1300

                    (confermato 6-11-1300).

             C2. Matteo

             C3. Muzio

             C4. Corrado, Maestro Ostiario nel 1298, Castellano di Civitella nel 1300, Maresciallo Regio nel 1317; acquista

                    Ripa Rattieri dal fratello Rinaldo nel 1308; nel 1309 acquista parti di Pianella, Castel de Rosi, Civitella, Ossena e

                    Poggio, nel 1315 compra ½ di Pianella, armato Cavaliere nel 1317, compra ½ di Rocca nel 1335.

                    = Francesca Troisia

 

                    D1. Jacopo o Berardo (+ post 1346), 1° Conte di San Valentino.

                           = Cubitosa d’Aquino, figlia di Cristoforo I Conte d’Ascoli (+ post 6-1352) (v.)

 

                           E1. Antonella

a)      = Antonio Conte di Celano

b)      = Mattia Signore di Gesualdo (v.) 

                           E2. Corrado, 2° Conte di San Valentino (confermato 1382), cede 1/3 di Ripa Rattieri alla città di

                                 Teramo.

                                 = Antonella di Fenteval

 

                                 F1. Gentile (+ post 1390), 3° Conte di San Valentino.

 

                                       G1. Corrado (+ Costigliano post 1461), 4° Conte di San Valentino, condottiero napoletano; nel

                                              1461 gli vengono confiscati dal Re di Napoli i feudi di Pianella e Roccaforte di Penna.

                                              = (Napoli) 1396 Messina Acciaioli, figlia di Angelo 2° Conte di Melfi e di una Grimaldi

  Signora di San Giorgio (v.)

 

                                             H1. Corradetto, 5° Conte di San Valentino, i suoi feudi passano alla linea di Atri che poi li

                                                    vende.

 

                                       G2. Margherita

                                              = Nicola Orsini (v.)

                                       G3. Angela

                                              = Galeotto Baglioni dei Signori di Perugia

                                       G4. (Naturale) Troilo, castellano di Oretano per volontà paterna e confermato dal Re Ladislao I

                                              di Napoli nel 1404.

 

             C5. Pietro

 

                    D1. Francesco

 

             C6. Francesco, forse fu Giustiziere degli Abruzzi nel 1332.

 

       B2. Riccardo, Signore di ½  Castelporziano dal 1269, Signore di Coperchiano dal 1271, Signore di Bisenti,

              Castelvecchio, Strasmondo, Bacucco e Forcella dal 1279, Giustiziere di Terra d’Otranto nel 1284, Signore di

              Arnaria, Castiglione, Ofena e Montesilvano dal 1284.

a)      = N.N.

b)      = 16-12-1284 Giacoma de’ Pizzi, vedova di Berardo di Rayan

 

C1. (ex 1°) Petruccio

       = Margherita, figlia di Berardo di Rayan e di Giacoma de’ Pizzi

 

       B3. Berardo, Podestà di Roccacontrada nel 1245 e di San Ginesio nel 1246, Signore di Volviano, Bisento,

             Castelvecchio e altre terre.

             = Cuma

 

             C1. Gualtieri (+ 1289), Signore di ¼ di Canzano, Signore di Avardo, Poggio a Bassano, Torre di Tronto, Poggio

                    Moresco, Cordesco, Bisento, Volviano, Forcella, Robiano e Castelvecchio.

                    = Isabella, figlia di Bartolomeo di Bellante (+ post 1278).

 

                    D1. Margherita (+ post 1303)

                           = Gualtieri di Bellante

                    D2. Matteo (+ Teramo 1294 o ante 1303), Signore di Torre di Tronto, Sant’Omero, Canzano, Ripallone,

                           Poggio a Bassano, Cliviano, Volviano, Castelvecchio e Osena.

a)      = (le prime nozze sono incerte) Filippa, figlia di Rinaldo II de’ Sangro (v.)

b)      =  Imperatrice d’Arce dei Signori di Campli della stirpe dei d’Aquino (+ Teramo, post 1309)

 

                           E1. (ex 2°) Francesco detto Cecco (+ post 1344), Signore di Castelvecchio, Torre di Tronto, 

          Sant’Omero, Canzano, Volviano, Poggio a Bassano ecc.; acquista 1/6 di Sant’Omero e Forcella,

          compra parti di Bisento nel 1303, compra parti di Ripagrimalli, Cantalupo, Cordesco, Signore di

          Notaresco nel 1309; Ciambellano Regio nel 1309, Giustiziere dell’Abruzzo Ultra nel 1312.

                                 = Giovanna de’ Sangro, forse figlia di Rinaldo III de’ Sangro (v.)

 

                                 F1. Matteo, Signore di Torre di Tronto, Sant’Omero, Poggio a Bassano, Volviano, Forcella e altri

                                       feudi; nel 1344 perde Corropoli, Acquaviva, Castello di Mejnlano e Torre di Tronto; Ciambellano

                                       Regio nel 1349.

                                       = Jacopa, figlia di Roberto Sanseverino Conte di Corigliano e Terlizzi e di Jacopa del Bosc (v.)

 

                                       G1. Antonio (+ 1395), Signore di Morro, Canzano, Ripa d’Avardo, Poggio a Bassano, Torre di

                                             Tronto, Sant’Omero, Monticelli, Poggio Morello, Cordesca, Bisenzo, Volviano, Rubiano,

                                             Castelvecchio, Bellante, Corropoli, Castel di Mejnlano e Notaresce; Ciambellano, Giustiziere

                                             dell’Abruzzo dal 1381, Signore di San Flaviano dal 14-4-1381, Conte di Montoro dal 1383,

                                             Signore di Teramo, compra Atri il 6-4-1393 (confermato 20-6-1393), 1° Duca d’Atri nel

                                             1393, Vicario Generale della Chiesa a Offida.

                                             = Ceccarella Cantelmo, figlia di Restaino Signore di Popoli (v.)

 

                                             H1. Andrea Matteo I (+ pugnalato, Teramo 17-2-1407), 2° Duca di Atri, Signore di San

                                                   Flaviano, Teramo, Bellante, Troia, Roseto, Padula, Forcella, Canzano, Monte Pagano,

                                                   Poggio Morello, Corropoli, Notaresco, Castellalto, Tortorato e Fornarolo dal 1395; Conte

                                                   di Ascoli nel 11-1396 (feudo occupato con la forza e subito perduto), Signore di

                                                   Sant’Omero e Corropoli con Regio Asseso del 17-6-1393, Conte di San Flaviano dal

                                                   1393 ca.

                                                   = Perugia 1393 Caterina Tomacelli, figlia di Giovannello Marchese di Ancona e di Angela

                                                       Gaetani, nipote del Papa Bonifacio IX

 

                                                   I1. Antonio (+ 1410/ante 10-5-1415), 2° Duca di Atri, Conte di San Flaviano, Signore

                                                        di Teramo, Bellante, Troia, Roseto, Padula, Forcella, Canzano, Monte Pagano, Poggio

                                                        Morello, Corropoli, Notaresco, Castellalto, Tortorato e Fornarolo dal 1407; Regio

                                                        Consigliere e condottiero del Re Ladislao I.

                                                        = Napoli 14……. Maria Orsini del Balzo, figlia di Raimondo Principe di Taranto e di

Maria d’Enghien Contessa di Lecce (v.)

                                                   I2. Pierbonifacio (+ post 1418), Signore di Teramo nel 1415.

                                                        = Caterina Riccardi, figlia di Francesco Signore di Ortona e Termoli, Siniscalco e

                                                           Maresciallo del Regno di Napoli (+ di peste, Cellino 1462)

 

                                                        J1. Andrea Matteo II (+ Atri ante 12-1443), 3° Duca d’Atri, Conte di San Flaviano,

  Signore di Teramo, Bellante, Troia, Roseto, Padula, Forcella, Canzano, Monte

  Pagano, Poggio Morello, Corropoli, Notaresco, Castellalto, Tortorato, Fornarolo

  ecc. dal 1407 e Patrizio Napoletano.

                                                             = 9-4-1439 Isotta Sforza, figlia naturale di Francesco Sforza futuro Duca di Milano

                                                                (* Acquapendente 1427 + Milano 1485/1487) (v.)

 

                                                    I3. Una figlia

                                                         = …… de’ Camponeschi dell’Aquila dei Conti di Montorio

                                                    I4. Una figlia

                                                         = 1400 Marsiglio da Carrara (v.)

                                                    I5. Giosia (+ di peste, Troia 22-8-1462), Conte di San Flaviano (confermato il 22-7-

                                                         1446 e confiscato nel 1461), 4° Duca di Atri, Signore di Bellante, Troia, Roseto,

                                                         Padula, Forcella, Canzano, Monte Pagano e altre terre dal 1443 ca.; nel Privilegio del

                                                         22-7-1446 fu confermato di San Flaviano con Cellino, Bisento, Castagna, Penna,

                                                         Aviano, Roseto, Forcella, Fanzano, Castelvecchio, Trasmondo, Notaresco, Montone,

                                                         Tortoreto, Corropola, Musano, Turano, San Omero, Ripacone, Vallato e Troia;

                                                         Patrizio Napoletano; compra i castelli di Montesisto, Castiglione, Buccia e Casalitto

                                                         nel 1430, Governatore di Teramo nel 1424; Cavaliere dell’Ordine del Toson d’Oro

          insignitodal Duca di Borgogna nel 1456 (Brevetto n.54).

a)      = una figlia di Ardizzone da Carrara Conte di Ascoli e di Antonia Sforza (v.)

b)      = una figlia di Giacomo Caldora Duca di Bari

c)      = 28-11-1428 Antonella Migliorati, figlia di Ludovico Signore di Fermo e Conte di

         Manoppello e di Bellafiore da Carrara (+ 1462) (v.)

 

 J1. (ex 3°) Giulio Antonio (+ cade all’assedio di Otranto 7-2-1481), 5° Duca di Atri,

       Conte di San Flaviano, Signore di Forcella, Roseto, Padula ecc. dal 1462, 1° Duca

       di Teramo dal 1464, Patrizio Napoletano, Cavaliere dell’Ordine dell’Ermellino,

       Generale contro i Turchi in Puglia, subì la confisca di Atri e San Flaviano che sono

       restituiti il 30-4-1469; assume il cognome Acquaviva d’Aragona con Privilegio del

       Re di Napoli del 30-4-1479.

       a)  = 1446 Jacopuccia Camponeschi dell’Aquila, figlia di Ludovico Conte di

         Montorio

 b) = 11-4-1456 Caterina Orsini del Balzo, figlia di Gabriele Duca di Venosa e di

         Giovanna Caracciolo dei Duchi di Melfi (v.), erede di Conversano, Turi,

         Noci, Casamassima, Castellana, Bitetto e Gioia (con Regio Assenso di

         successione dell’11-4-1456).

 

 K1. (ex 2°) Gianantonio (* 1457 + ante 1479), Marchese di Bitonto; assume il

        cognome Acquaviva d’Aragona con Privilegio del Re di Napoli del 16-9-

        1477.

 K2. (ex 2°) Andrea Matteo III, per la discendenza v. Parte II

 K3. (ex 2°) Donato, Arcidiacono di Conversano, Vescovo di Conversano dal

        5-12-1498.

 K4. (ex 2°) Belisario (* 1464 + di peste, Napoli 24-7-1528), 25° Conte di

        Conversano 1495/1496, rinuncia;1° Conte di Nardò dal 12-3-1497 per

        concessione del Re di Napoli dopo che l’aveva confiscata ai del Balzo,

        1° Duca di Nardò con Diploma Regio del 3-7-1517; Patrizio Napoletano.

a)      = Donna Sveva Sanseverino, figlia di Don Gerolamo 2° Principe di

         Bisignano e di Vannella Gaetani dell’Aquila d’Aragona dei Conti di

         Traetto (v.)

b)      = Soriana Crispo

 

L1. (ex 1°) Don Andreana/Adriana (+ 1568)

      = Don Ferrante Castriota Duca di San Pietro in Galatina (v.)

L2. (ex 1°) Donna Antonia (+ post 1564)

a)      = 1524 Giambattista della Marra 3° Signore di Montemarano (v.)

b)      = Annibale Saraceno, Patrizio Napoletano

L3. (ex 1°) Don Giovanni Bernardino (+ incidente durante una incursione

      turca, Nardò 25-8-1542), 2° Duca di Nardò dal 1528, Patrizio

      Napoletano.

      = post 1518 Giovanna Gaetani d’Aquila d’Aragona, figlia di Onorato

         Duca di Traetto e di Lucrezia d’Aragona (+ post 1523) (v.), e già

         vedova di Giovanni Granai Castriota Duca di Ferrandina.

 

      M1. Don Francesco (+ 1559), 3° Duca di Nardò dal 1559, Patrizio

              Napoletano, Colonnello a Otranto, Barletta e Taranto.

              = Isabella Granai Castriota, figlia di Alfonso Conte d’Atripalda e di

     Camilla Gonzaga dei Signori di Sabbioneta (v.)

 

             N1. Don Giovanni Bernardino II (+ 1596), 4° Duca di Nardò e

                    Patrizio Napoletano dal 1559.

a)      = Anna Loffredo, figlia di Ferdinando Marchese di Trevico

b)      = Caterina, figlia di Vincenzo Toraldo 2° Marchese di

         Polignano (v.), già vedova di Ferdinando Beltrano Conte

         di Mesagne.

 

                    O1. (ex 2°) Don Belisario II (+ 26-12-1619), 5° Duca di

                           Nardò e Patrizio Napoletano dal 1596.

                           = Porzia Pepe, figlia ed erede di Marcantonio Barone di

                              Sant’Angelo a Fasanella, dei Duchi di Seclì    

 

                           P1. Donna Caterina (+ 11/21-8-1636), erede di Nardò

a)      = 1598 Don Giulio Acquaviva d’Aragona

         31° Conte di Conversano (v.)

b)      = 27-11-1624 Domizio Caracciolo Marchese di

         Bella (v.)

                           P2. Donna Camilla (+ ante 6-1-1624)

                                 = 1607 Ferdinando Beltrano Conte di Mesagne

 

                    O2. (ex 2°) Don Vincenzo, Patrizio Napoletano.

                           = 1596 Beatrice delli Falconi

 

                           P1. Don Ottavio, (+ Bitonto 2-7-1673), Patrizio

                                 Napoletano, Chierico Teatino Regolare “frà Bernardo”

                                 dal 15-8-1621.

                           P2. Don Bernardino, Patrizio Napoletano.

                           P3. Don Francesco (+ ? Roma 10-6-1632), Patrizio

                                 Napoletano.

                                 = Nobile Maria Guarini

 

                                 Q1. Donna Beatrice

                                        = Don Diego Acquaviva d’Aragona (v. oltre)

 

                           P4. Don Gaspare, Patrizio Napoletano, Chierico Regolare

                                  Teatino “frà Giovanni” dal 17-4-1616, ma rinuncia.

 

                    O3. (ex 2°) Donna Adriana/Brianna

                           = Don Cesare Pappacoda dei Principi di Triggiano

                    O4. (ex 2°) Donna Isabella

                           = Don Giovanni Vasquez d’Acunha

                    O5. (ex 2°) Don Gaspare, Patrizio Napoletano, Referendario di

  entrambe le Segnature, frate minore riformato dei francescani.

                    O6. (ex 2°) Don Antonio (+ 1622), Patrizio Napoletano, frate

                           minore osservante.

                    O7. (ex 2°) Don Francesco, Patrizio Napoletano, Signore di

                           Torre paduli dal 1631, Capitano nell’esercito spagnolo.

                           = Isabella Del Barone

 

                           P1. Don Bernardino, Patrizio Napoletano, Signore di Torre

                                 di Padula che vende nel 1629.

                                 = Adriana de Franco, figlia di Giacomo Marchese di

                                    Taviano (+ dopo il marito).

                           P2. Don Diego (+ 1660), Patrizio Napoletano, compra

                                 Pozzovivo, Flangiano, Paggiano, Anfiano e Ficole il

                                 10-2-1639, poi ceduti nel 1654.

                                                                                                       = sua cugina Donna Beatrice Acquaviva (v. sopra)

 

                                 Q1. Don Girolamo, Marchese di Trepuzzi, Patrizio

                                        Napoletano e Grande di Spagna nel 1710.

                                 Q2. Donna Isabella

                                        = Giovanni Di Franco Marchese di Taviano

                                 Q3. Don Francesco, Patrizio Napoletano.

                                        = Chiara Condò, figlia ed erede di Marino

                                           Marchese di Trepuzzi (+ 1666).

 

                                        R1. Donna Beatrice (+ 1697)

                                              = suo zio Don Bernardino (v. oltre)

 

                                 Q4. Donna Antonia, monaca nel monastero di Santa

                                        Chiara a Napoli.

                                 Q5. Donna Teresa, monaca nel monastero di Santa

                                        Chiara a Napoli.

                                 Q6. Don Bernadino, Patrizio Napoletano.

                                        = sua nipote Donna Beatrice (v. sopra)

                                 Q7. Donna Caterina

                                        = Don ……. Falcietti Principe di Valenzana

                                 Q8. Don Belisario, Patrizio Napoletano, monaco “frà

                                        Serafino” nel monastero di San Pietro d’Alcantara.

 

                           P3. Don Andrea Matteo, Patrizio Napoletano, monaco

         benedettino

                           P4. Don Marcello, Patrizio Napoletano, Chierico Regolare

         Teatino “frà Felice”dal 6-9-1607 ma abbandona da

         diacono.

                           P5. Don Leonardo, Patrizio Napoletano.

                           P6. Don Giulio (+ Siracusa 8-11-1622), Patrizio

                                 Napoletano, Chierico Regolare Teatino “frà

                                 Giambattista” dal 28-11-1609 (professa il 6-8-1613).

                           P7. Don Mario (+ post 1618), Patrizio Napoletano.

 

      M2. Donna Livia

             = Camillo Arcella Signore di Mottafollone

 

L4. (ex 1°) Don Giacomo Antonio (+ 31-12-1568), Patrizio Napoletano,

      Vescovo di Nardò dal 1521 al 1531 ma rinuncia per sposarsi; fu al

      servizio degli spagnoli.

a)      = 1531 Adriana Sanframondo dei Conti di Cerreto

b)      = Giovanna Spina, figlia di Angelo Signore di Bagnano e vedova di

         Giacomo Antonio della Marra

 

M1. Don Belisario, Patrizio Napoletano.

M2. Don Claudio (+ 1584), Patrizio Napoletano, serve la Spagna.

        = Lucia de Assi

 

        N1. Don Alessandro, Patrizio Napoletano, Capitano di fanteria

               spagnolo nel 1589, Comandante di Augusta.

               = Nicosia Benvenuti

 

               O1. Don Alessandro, Patrizio Napoletano.

               O2. Don Claudio, Patrizio Napoletano.

 

        N2. Don Ottavio (+ infante), Patrizio Napoletano.

        N3. Don Ascanio (+ ucciso in Boemia 1620), Patrizio Napoletano,

               Capitano di fanteria imperiale.

 

              O1. Donna Delia

              O2. Donna Caterina

              O3. Don Belisario, Patrizio Napoletano.

              O4. Donna Claudia

              O5. Don Giulio, Patrizio Napoletano.

 

       N4. Don Alfonso, Patrizio Napoletano.

       N5. Don Ferdinando, Patrizio Napoletano, combatte in Fiandra per

              gli spagnoli.

 

M3. Donna Caterina

 

L5. (ex 1°) Donna Lucia

      = Alessandro Carafa, Patrizio Napoletano

L6. (ex 1°) Donna Caterina Vittoria (+ uccisa con il marito 1528)

      = Paolo Caracciolo dei Marchesi di Misuraca (v.)

L7. (ex 1°) Donna Diana (+ premorta al marito)

      = Don Ferrante Spinelli 2° Duca di Castrovillari, Conte di Cariati, Barone

         di Fuscaldo, Guardia e Paola, Signore di Terravecchia, Cerenzia,

         Caccuri, Umbriatico, Verzino, Scala, Rocca di Neto, Campana e

         Bocchigliero (investito nel 1522).

L8. (ex 1°) Don Giambattista (* 1513 + 13-5-1569), Patrizio Napoletano,

       Vescovo di Nardò dal 22-5-1536.

L9. (Naturale) Giannantonio (+ 1525), Vescovo di Alessano dal 5-3-1512,

       Vescovo di Lecce dal 18-5-1517.

L10. (Naturale) una figlia sposata al Barone di Presicce

L11. (Naturale) una figlia sposata al Barone di Corsano

L11. (Naturale) una figlia sposata al Barone di Luogorotondo

 

 K5. (ex 2°) Paola

a)      = (contratto: 1500, dote di 8.000 ducati) Onorato Sanseverino Barone

         di Sangineto (v.)

b)      = 1521 Antonio Cantelmo Conte titolare di Popoli (v.)

 K6. (Naturale) Sulpizio (+ 1495), Prevosto di San Salvatore, Arciprete di Santa

        Maria in Platea a San Flaviano dal 19-11-1476, Arciprete di Bitetto,

        Vescovo di Bitetto dal 20-5-1482, Vescovo di Conversano dal 1483.

 

 J2. (ex 3°) Gianantonio (+ ucciso 1503), al servizio dei francesi.

 

                                       G2. Nicola (+ post 24-12-1361).

                                       G3. Luigi (+ post 29-9-1363).

 

                                 F2. Niccolò (+ post 1344)

 

                                       G1. una figlia (+ post 1388), sposata a un giudice.

                                       G3. Corrado

 

                                 F3. Luca

 

                           E2. Marella

                                 = Tommaso Conte di Celano

 

                    D3. Anna

                           = Gentile de’ Sangro (v.)

 

A4. Rinaldo (+ 1264), Vescovo di Girgenti, nel 1258 venne scomunicato per aver incoronato Re Manfredi di Sicilia.

 

 

 

INDICE